Home Deliberazioni Consiglio delibera_consiglio

Delibera di Consiglio

PDF
Numero: 40
Data: 16.12.2009


Approvazione del Regolamento per l'affidamento e la realizzazione di lavori pubblici da eseguire in economia e/o contratti aperti.


Introduce il punto all’odg il Presidente del Consiglio Comunale che cede la parola al Sindaco il quale sottolinea il fatto che si tratta dell’approvazione del  Regolamento per i servizi e lavori in economia che già da tempo l’Ufficio Tecnico Comunale aveva predisposto e che già in altre sedute consiliari era stato presentato per l’approvazione. Fa presente che già esiste un Regolamento comunale che disciplina la materia  approvato nel 2003 ma che ora risulta necessario  un adeguamento a seguito degli interventi legislativi successivi a tale data. Fa presente che quello che si va ad approvare è un Regolamento tipo corrispondente ad altri schemi contrattuali già approvati da altri comuni. Si tratta in generale di dare applicazione a delle previsioni già dettate dal legislatore. In particolare sottolinea come nel Regolamento che si va ad approvare si dia applicazione a quanto disposto dall’art.125 del Codice dei contratti che stabilisce dei limiti relativi ai lavori in economia

Interviene il Consigliere Giannuzzi Luigi il quale sottolinea come sia stato importante  il rinvio concesso nelle precedenti sedute consiliari al fine di meglio comprendere il contenuto del regolamento. Sottolinea il fatto che  il Consiglio Comunale deve avere un ruolo attivo e non di sola ratifica delle soluzioni tecniche proposte dagli uffici. Fa presente peraltro che da parte dei consiglieri di minoranza sono state proposte delle rettifiche che però non hanno trovato risposta  e che oggi, in sede di Consiglio comunale, vengono riproposte.

In particolare rileva che nell’ambito dell’art.1 non vengono riportati gli articoli di legge  richiamati in deliberazione e che pure costituiscono riferimenti normativi in materia.

Con riferimento all’art. 2 al comma 2 rileva la necessità di meglio chiarire la  previsione  di avvalersi da parte dell’Amministrazione di dipendenti “assunti straordinariamente” nel caso di esecuzione in amministrazione diretta. Sarebbe opportuno, continua, l’adozione di un Regolamento per disciplinare tali tipi di assunzioni

Con riferimento all’art.3 propone di prevedere il limite di 200.000 euro solo per i casi di eventi imprevedibili per cui  non sia possibile procedere con le procedure di evidenza pubblica. Per le altre fattispecie infatti il limite di 100.000 appare più opportuno

Con riferimento all’art.6 punto a) propone di ridurre a 20.000 euro ( invece che 40.000,00) il limite massimo per le iniziative di spesa in amministrazione diretta da parte del Responsabile del Servizio. Propone altresì di eliminare il secondo periodo dell’art.6 punto a)   da “ In questo caso” a “ 80.000,00 euro”.Le stesse modifiche vengono proposte per l’art.6 punto b) e per l’art.7 lett. a) e b) del regolamento

Con riferimento all’art.7 comma 3 chiede poi se il Comune di Martignano  si sia dotato del Regolamento dei contratti previsto in tale articolo

Chiede inoltre che il presente regolamento  sia integrato con delle previsioni specifiche per i servizi legali e per le consulenze. In particolare rileva la necessità che, con riferimento agli incarichi legali,  siano definite nei disciplinari di incarico le modalità di liquidazione e l’entità dei corrispettivi dovuti, fatte salve eventuali possibili modifiche.

Con riferimento all’art.12 propone che nel comma 2 sia eliminata la previsione che l’obbligo alla prestazione delle garanzie per importi   superiori  a 40.000,00 possa essere costituito  a  insindacabile giudizio del Responsabile competente. Le garanzie, continua, devono essere prestate in ogni caso e non possono essere legate ad una scelta discrezionale del Responsabile competente.

Con riferimento al comma 5 dell’art.21 propone poi che il  limite di importo per i contratti aperti per manutenzione sia stabilito in euro  100.000 invece che in euro 200.000,00 come previsto nel regolamento proposto.

Afferma che sarebbe stato opportuno condividere questi rilievi ,assieme ad altri che pure potrebbero essere sollevati,  in sede di Commissione. Ciò però , continua, non è stato possibile.

Interviene il Sindaco il quale fa presente che il Consiglio Comunale avrebbe potuto già da tempo approvare tale Regolamento. Sarebbe stata opportuna una formalizzazione di eventuali emendamenti al fine di valutare le proposte modificative. Tale formalizzazione, continua,  non è però avvenuta. Tale impostazione sarebbe auspicabile che  fosse seguita per  il futuro.. Nel merito fa presente che questo regolamento modifica la situazione attualmente esistente solo nel passaggio dell’affidamento diretto da euro 20.000,00  a euro 40.000. Tutte le altre situazioni,continua, sostanzialmente erano già disciplinate dal precedente regolamento. Rileva inoltre come altra cosa è poi aggiungere al presente regolamento la disciplina in materia di servizi legali. Rileva peraltro la centralità della figura del Responsabile del procedimento  nella nuova normativa e sottolinea come i principi di trasparenza e di rotazione devono essere comunque rispettati. Fa presente inoltre come la previsione della riduzione degli importi va contro a quanto da tempo regolamentato nel Comune di Martignano.

Con riferimento specifico a quanto  rilevato in materia di possibili assunzioni straordinarie da parte dell’amministrazione  è chiaro, continua,  che si deve far riferimento alla normativa vigente. Sottolinea comunque l’importanza del contributo offerto  dal Consigliere Giannuzzi Luigi. Fa presente che l’art.125 comma 9 lett  a) è stato modificato negli importi dalla sopravvenuta normativa (da € 211.000 a € 206.000) Afferma peraltro di poter difendere l’impianto prospettato con la presente proposta regolamentare  Sottolinea peraltro l’assunzione dell’impegno dell’amministrazione a rinnovare i regolamenti esistenti e già dai primi giorni del  2010 renderli disponibili sul sito istituzionale dell’Ente.

A questo punto il Presidente del Consiglio Comunale rilevato che nessun altro consigliere  chiede di intervenire dichiara chiusa la discussione

A questo punto interviene il Cons. Gentile il quale esprime il proprio apprezzamento per la deliberazione di solidarietà approvata dall’Amministrazione Comunale a seguito dei gravi fatti accaduti in questi giorni nei confronti dell’On. Silvio Berlusconi. Afferma la necessità di difendere sempre  gli ideali di democrazia.

Interviene il Sindaco il quale afferma che a prescindere da qualunque confronto politico ora  si tratta soltanto  di condannare quanto accaduto. Anche in questo consiglio, continua, sarà giusto continuare a dissentire e confrontarsi nel rispetto comunque delle persone. Esprimere solidarietà in questo momento, continua, era assolutamente necessario. 

IL CONSIGLIO COMUNALE

Premesso che:

− il d.P.R. 21 dicembre 1999, n. 554, a titolo “Regolamento di attuazione della legge quadro in materia di Lavori Pubblici 11 febbraio 1994, n. 109 e successive modifiche” ha fortemente innovato la disciplina dell’esecuzione di opere e lavori Pubblici;

− gli articoli 88, 142, 143, 144, 145. 146, 147, 148, 153, 154, 176, 177, 178, 179, 180, 181 e 182 del regolamento di cui al d.P.R. n. 554/1999 soprarichiamato disciplinano la realizzazione di opere e/o lavori pubblici attraverso l’istituto del Cottimo Fiduciario e del così detto “contratto aperto di manutenzione”;

− per talune tipologie di lavori di competenza del Comune di Martignano risulta opportuno ricorrere ai lavori in economia in rapporto alla maggiore celerità di affidamento ed alla più ampia flessibilità di gestione esecutiva;

− in particolare l’art. 88 del citato d.P.R. n. 554/1999 stabilisce che “i lavori eseguibili in economia sono individuati da ciascuna stazione appaltante, con riguardo alle proprie specifiche competenze;

− il Regolamento dei lavori in economia del Comune di Martignano non risulta più conforme alla normativa di riferimento e pertanto si rende necessaria l’approvazione di un nuovo e più adeguato regolamento per i lavori in economia;

Atteso che:

− l’art. 154 dello stesso d.P.R. n. 554/1999 individua una nuova fattispecie di contratti di appalto denominata “contratti aperti relativi a lavori di manutenzione” definiti quali “appalti in cui la prestazione è pattuita con riferimento ad un determinato arco di tempo, per interventi non determinati nel numero, ma resi necessari secondo le necessità della Stazione Appaltante”;

− si ritiene opportuno integrare la normativa che disciplina tali forme di contratto in rapporto ai vantaggi che essi comportano, per i lavori manutentivi del patrimonio, rispetto ai tradizionali appalti (non-aperti o chiusi) di opera pubblica;

− visto il testo dello schema del richiamato “Regolamento per l’affidamento e la realizzazione di lavori  pubblici da eseguire in economia o con contratti aperti” (allegato 1) composto di n. 33 articoli e proposto dall’ufficio tecnico, particolarmente coinvolto per competenza della gestione dei contratti in parola;

Visto:

− il D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163;

− il d.P.R. 21 dicembre 1999, n. 554;

− il d.P.R. 18 aprile1994, n. 573;

− il d.P.R. 20 agosto 2001, n. 384;

− il D.Lgs. 18.08.2000, n. 267;

Con voti nr. 9 favorevoli e contrari nr. 4 (minoranza) espressi per alzata di mano, su nr. 13 Consiglieri presenti e votanti

DELIBERA

1.  Di approvare le premesse della presente delibera;

2. Di approvare il “Regolamento per l’affidamento e la realizzazione di lavori pubblici da eseguire in economia o con contratti aperti” di cui all’allegato 1), parte integrante e sostanziale del presente atto;

3. Di dichiarare, con voti favorevoli 9 e contrari 4 (minoranza) espressa per alzata di mano, la presente deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi dell’art. 134, 4° comma, del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267, per consentire l’immediata attuazione di quanto disposto.