Home Servizio Amministrativo e Demografico

commercio al dettaglio in sede fissa su aree private



Commercio al dettaglio su aree private in sede fissa

L’esercizio dell’attività commerciale può essere esercitata qualora il richiedente sia in possesso dei requisiti previsti per legge (requisiti morali e professionali, questi ultimi solo nel caso della commercializzazione di prodotti alimentari) ed i locali siano provvisti di agibilità e destinazione d’uso commerciale.

L’apertura, il trasferimento di sede, l’ampliamento della superficie di un esercizio di vicinato sono soggetti alla preventiva comunicazione al Comune. L’interessato può dare inizio all’attività decorsi trenta giorni dalla data di presentazione della comunicazione, da effettuarsi a mezzo di apposito modello (COM 1), salvo che il Comune non abbia comunicato la sospensione dei predetti termini a causa dell’erronea o incompleta compilazione del modello di comunicazione, ovvero per carenza dei requisiti soggettivi ed oggettivi.

La cessazione ed il sub ingresso sono comunicati con il medesimo modello COM 1. Il subentrante può continuare l’attività senza soluzione di continuità, purché in possesso dei requisiti soggettivi e l’attività sia svolta nei medesimi locali.