Home Tradizioni Cultura Grica

Cultura Grica

PDF  Stampa  E-mail 

Per un'esauriente conoscenza del fenomeno etno-linguistico di tutta la Grecìa salentina rimando alla pagina ad hoc.

 

A Martignano il rito greco cominciò ad essere abbandonato intorno alla metà del Seicento; con l'arciprete Francesco Giannuzzo, eletto nel 1650, si apre la serie ininterrotta degli arcipreti di rito latino.

 

Tuttavia ciò non portò ad un definitivo mutamento: infatti, numerosi sacerdoti e chierici ordinati "more graecorum" continuarono regolarmente ad officiare sino alla metà del Settecento.

 

A dimostrazione di quanto il rito greco fosse radicato a Martignano, si può osservare, che non a caso, gli unici due codici "martignanesi" che si conoscono, riguardano proprio la liturgia di S. Giovanni Crisostomo: uno è il codice cartaceo conservato a Roma, nella biblioteca Corsiniana, contenente la liturgia di S. Giovanni Crisostomo e alcune preghiere per diverse feste dell'anno, finito di copiare il 4 dicembre del 1579 da Natalio Marso, sacerdote di rito greco di Martignano; l'altro, che risulta acquistato a Martignano nel 1606, è un codice membranaceo conservato a Milano, nella biblioteca Ambrosiana, datato al XIII secolo e contenente la liturgia di S. Giovanni Crisostomo, di S. Basilio e dei Presantificati.*

 

 

*Bibliografia: Guida di Martignano, G.G.Chirizzi, A.Costantini, V.Peluso, Congedo Editore

 

 

BIBLIOTECA DEL MEDITERRANEO......vedi pagina

 

codice_greco_martignanese90.jpg

Pagina di un codice greco proveniente da Martignano.

foto_depoca_rito_ambarra90.jpg

Foto d'epoca, rito dell'ambarrà.

foto_depoca_lutto90.jpg

Foto d'epoca, persone vestite a lutto.

Ta Korassia

pu Martignana

(i giovani di Martignano)

Ta korassia pu Martignana

echune me sa pa kalò,

to frontili vastu ne crinu

vastu fiuru to llemò!

Echunè mavra t'ammadia

secundu te sale tu craulu

e canea e cannonisi

pu se kennune ta miolà!

Ma kanè no spi kanea

m'agapà ca s'agapò

finnune na ce foddhia

ce ta scanni pu ambrò.

 

Canzone in griko

La canzone dice che le ragazze di Martignano hanno una fronte bella e che dalla loro bocca escono fiori; hanno gli occhi neri come il carbone, e se qualcuno le guarda, perde la testa; se qualcuno dice loro "mi ami che ti amo", lasciano tutto e scappano con lui.